«Per diventare capitale europea della cultura serve una strategia con le forze politiche»

Londei, candidato a sindaco, tende una mano a Pesaro

«LA CONQUISTA del ruolo di Capitale Europea della Cultura rappresenta un momento storico per un intero territorio, capace di rilanciarlo per anni e fare da volano a lavoro, turismo ed economia ». Questa la dichiarazione di Giorgio Londei, candidato a Sindaco di Urbino per i movimenti Prospettiva Urbino, Nel Bene Comune, Uniti per Urbino e Moderati per Urbino, che poi precisa: «E’ altrettanto certo che le candidature non si improvvisano. Si programmano con ampio anticipo e organizzazione di idee condivise e di competenze. Se Urbino e Pesaro vogliono davvero puntare a questo obiettivo devono mettere insieme non soltanto le forze locali, ma attivare una filiera politica che sappia dar loro peso e rilevanza fin dagli esordi della candidatura. Non giunge a caso l’ennesimo grido di allarme che domenica scorsa ha lanciato da Mercatello l’ex sindaco Marchetti, perché soltanto un territorio capace di unirsi nell’organizzazione e nella
programmazione e nella promozione delle sue innumerevoli potenzialità ambientali, culturali, artistiche ed enogastronomiche potrà primeggiare sugli altri contendenti. Si faccia tesoro degli errori del passato, quando Urbino perse la sfida a causa, a mio parere, di un mancato coinvolgimento di quei cittadini che in termini di presenza ed entusiasmo fecero sì che Matera primeggiasse sugli altri. A chi dice che Urbino perse per mancanza di collegamenti, faccio presente che a Matera non arriva il treno e neppure l’autostrada. Andare in cerca di giustificazioni e alibi non aiuta mai a capire i propri errori e condanna a nuovi errori. E’ vero invece che soltanto una linea politica accomunata negli intenti e nelle idee, forte, coesa e di alto livello potrà creare un filo rosso verso le istituzioni regionali, nazionali ed europee e far riconoscere la candidatura di Pesaro e Urbino superiore a ogni altra».
«Per diventare capitale europea della cultura serve una strategia con le forze politiche»
Torna su